0Item(s)

Non hai articoli nella Lista

Ricerca avanzata

Product was successfully added to your shopping cart.
 
 

La storia dell'utensileria italiana

 

Stamperia 1932

 

La nostra attività industriale inizia nel 1923

 
 

1923 - Alessandro Ciceri fonda ad Erba (CO) la stamperia “Alessandro Ciceri & Figli”, specializzata in stampi di ferro e acciaio.

1939 - Viene depositato il marchio Beta e l’Azienda si specializza nella produzione di utensili per uso professionale, realizzati nello stabilimento di Sovico (MB), ancora attuale sede aziendale.

1960 - Beta Utensili conta 200 dipendenti, si afferma in Italia quale realtà emergente nel settore dell'utensileria a mano professionale ed esporta i propri prodotti all'estero.

1969 - Nasce il rivoluzionario carrello “Tank” in lamiera arancione, il colore che, da quel momento in poi, renderà inconfondibile lo stile del marchio Beta.

1971 - Beta Utensili entra nel mondo delle competizioni motoristiche, dapprima in Formula 1, poi nelle gare di rally e nel mondo del Motorsport.

1973 - Si inaugura lo stabilimento di Castiglione d'Adda (LO), che si aggiunge a quello storico di Sovico (MB).

1975 - Arriva il primo grande successo in Formula 1 con la March-Beta Utensili di colore arancione di Vittorio Brambilla, che vince il Gran Premio d’Austria nel diluvio di Zeltweg.

1980 - Aumenta l'espansione nei più importanti mercati Europei con la costituzione progressiva di filiali Beta Utensili in Francia, Gran Bretagna, Olanda, Spagna, Polonia e Ungheria.

1984 - Apre il terzo stabilimento dell'azienda a Sulmona (AQ). Qui ha inizio, nella forgia, la produzione delle iconiche chiavi combinate 42 e vengono prodotti e testati gli accessori per il sollevamento a marchio Robur.

1995 - In soli 8 mesi l’Azienda ottiene la certificazione sistema di qualità ISO 9001.

2000 - La presentazione del nuovo catalogo Beta Utensili conferma il continuo processo di crescita. Raddoppia la gamma dei prodotti in offerta e le oltre 10000 referenze vengono suddivise in 22 famiglie di prodotto.

2002 - L’offerta Beta Utensili viene ulteriormente ampliata con l’introduzione della gamma di calzature antinfortunistiche e la linea di abbigliamento da lavoro e tempo libero “Beta Work”.

2009 - Beta espande ulteriormente i propri mercati aprendo la nuova filiale Beta Cina.

2012 - Apre la filiale Beta Brasile.

2016 - Beta introduce il nuovo sistema modulare per l’arredo officina RSC55.

2018 - Inizia il percorso di consolidamento del Gruppo Beta con l'acquisizione di BM S.p.A., leader nella produzione e commercializzazione di capicorda e sistemi di connessione elettrica. Si susseguono le acquisizioni di 3D Beta S.r.l., società specializzata nella progettazione e produzione di sistemi di arredo officina su misura, e VGF S.r.l., specialista nella verniciatura a polveri di arredi in metallo. La strategia di crescita del Gruppo continua con le acquisizioni di Abra Beta S.p.A. ed Elpa Abrasivi S.r.l., leader nella produzione di abrasivi, ampliando così la propria offerta di articoli professionali.

2020 - Nasce Beta Tools USA, un passo importante nella strategia di espansione sul mercato nordamericano.

2022 - Un percorso di crescita continuo che arriva fino ad oggi, con una gamma che include 30 famiglie di prodotto e oltre 16.000 referenze, realizzate per rispondere alle esigenze dei professionisti e garantire qualità e prestazioni costanti nel tempo, seguendo il principio Beta Well Done, perché in Beta esiste un solo modo di fare le cose: farle bene.

 

Settori di applicazione

Automotive

Energia

Industria

Oil & Gas

Aeronautica

Sponsorizzazioni

Vittorio Brambilla

Il marchio Beta appare nelle sponsorizzazioni sportive sin dagli anni '70 quando entra nel mondo della Formula 1. Nel 1975 ottiene il suo primo grande successo con la "Beta Utensili March" arancione di Vittorio Brambilla che vince il Gran Premio d'Austria sotto il diluvio di Zeltweg.

 

Il nostro impegno nelle competizioni sportive è da allora proseguito dando origine a partnership tecniche con i team più prestigiosi: Ferrari, Jordan, McLaren e Minardi in Formula 1 e Yamaha, Honda, Suzuki, e Kawasaki nel MotoGP.